• Gabriele Lugaro

L'educazione incidentale: Colin Ward

Proseguendo il tema introdotto con il post su Paul Goodman (che trovate qui: https://www.mysonsnetwork.com/post/l-educazione-incidentale-paul-goodman ), approfondiamo il concetto di Educazione Incidentale analizzando le riflessioni di uno dei suoi maggiori teorici.


Colin Ward e l'educazione ambientale

Un altro teorico e sostenitore dell'educazione incidentale fu Colin Ward, architetto e urbanista britannico ispirato da Goodman. Nella sua prospettiva “l'educazione è necessariamente educazione ambientale, nel senso duplice che questa idea introduce, ovvero sia l'uso dell'ambiente (contesto), in luogo dell'aula scolastica, come mezzo educativo, sia l'educazione che riguarda l'ambiente naturale”[9], questo rapporto con l'ambiente porta ad indagare il contesto sociale a partire dai problemi specifici e “quindi diviene inevitabilmente educazione alla partecipazione” [10]. Il processo di interazione con l'ambiente e le singole situazioni che ivi definiscono implicano un'interpretazione dell'ambiente che avviene per contatto diretto con la cosa stessa, e non attraverso una sua proiezione bidimensionale nel chiuso di un'aula[11].


La visione di Colin Ward e il “lavoro di strada”

L'ambiente, urbano o rurale che sia, offre molteplici possibilità di ricerca, di “lavoro sul campo”, di “lavoro di strada” (intesa come metafora del contesto sociale)[12] che, in un'istruzione scolastica formale sono attualmente preclusi. Scriveva Ward “gli sforzi della nostra socie



tà sono tutti rivolti a tenerli [“i ragazzi” N.d.r.]lontani dalla strada”, il risultato è che “nessuna città è gestibile se non fa crescere cittadini che la sentano propria”, per questo “occorre portare avanti l'idea che la scuola deve diventare una scuola di ricerca: un'istituzione privilegiata, autorizzata a investigare e criticare in nome della prossima generazione”[13]. Nella pratica egli sposa il programma “spaventosamente semplice” di Goodman che “prevede per i più piccoli “un ambiente protettivo e stimolante, creato decentralizzando la scuola in piccole unità che comprendono da venti a cinquanta bambini, dislocate in negozi o sedi di associazioni utilizzabili a questo scopo, con l'abolizione dell'obbligo di frequenza, collegando la scuola a piccole fattorie in cui i bambini delle città possano trascorrere uno o due mesi all'anno”[14].


Contributi

Sul tema è uscito in interessante testo per eleuthéra, curato da Francesco Codello, dal titolo “L'educazione incidentale”. In chiusura all'introduzione Codello scrive: “questa incidentalità rappresenta pertanto una vera alternativa all'apprendimento strutturato e programmato, costituendo un'autentica risposta a quella curiosità, a quella ricerca spontanea, a quel naturale e istintivo bisogno di apprendere, che sono alla base di una profonda e coerente educazione libertaria”[15].


Gabriele Lugaro




[9]Francesco Codello (a cura di), Colin Ward “L'educazione incidentale, Elèuthera, Milano, 2018

[10]Idem.

[11]Idem.

[12]Idem.

[13]Colin Ward, Educazione alla conoscenza per la trasformazione dell'ambiente, “Spazio e società”, Mazzotta, Milano, dicembre 1978 pp.73-84 in Francesco Codello (a cura di), Colin Ward, L'educazione incidentale, Elèuthera, Milano, 2018

[14]Colin Ward, Anarchia come organizzazione, Elèuthera, Milano, varie edizioni

[15]Francesco Codello (a cura di), Colin Ward, L'educazione incidentale, Elèuthera, Milano, 2018

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
My Sons Network 
Savona 17100
Italy
Europe
World
Dott. Gabriele Lugaro
Pedagogia, Progettazione e Ricerca Educativa
Email:
mysonsnetwork@gmail.com
gabriele.lugaro@live.it

© 2020 by My Sons Network. Proudly created with Wix.com